Meta Pixel: perché usarlo per il vostro sito

Avete sentito parlare di Meta Pixel (o Facebook Pixel, prima del cambio di nome), ma non avete ancora capito di cosa si tratti e a cosa serva per il vostro sito web? Siete nel posto giusto!

Cos’è il Meta Pixel?

Il Pixel è una porzione di codice che viene inserita all’interno del proprio sito web, per poter monitorare cosa fanno gli utenti all’interno del sito e tenere traccia delle conversioni effettuate.

Questo sistema è in grado di riconoscere se un utente ritorna sullo stesso sito tramite un mezzo diverso, senza duplicarlo, in modo da fornirci l’esatto numero di utenti che hanno visitato il nostro sito.

Vi avevamo già parlato di tracciamento degli eventi in questo articolo sul Conversion API, che può tornarvi utile se volete approfondire l’argomento.

Meta Pixel

Una volta installato, bisogna associare gli eventi al sito. Abbiamo due tipi principali di eventi: gli eventi standard e gli eventi personalizzati. Vediamo insieme quale è la differenza:

Eventi standard

Sono eventi predefiniti generati da Facebook, che corrispondono alle conversioni più comuni presenti sui siti (aggiunta al carrello, acquisto, contatto, etc…).

Per impostare questa tipologia di eventi non è necessario un accesso backend al sito, ma basta semplicemente utilizzare lo strumento per la configurazione degli eventi. Questo tool aprirà il proprio sito web, dove potremo aggiungere molto facilmente i nostri eventi al Meta Pixel.

Eventi personalizzati

Sono eventi creati manualmente tramite una stringa di codice HTML inserita all’interno del sito dal webmaster, con il nome della conversione personalizzato e scelto direttamente dall’utente. Per verificare il corretto funzionamento dell’evento creato si può sfruttare il test degli eventi tramite la schermata di gestione del Meta Pixel.

Come installarlo?

  • CREARE IL PIXEL – Si deve prima accedere alla “Gestione Eventi” da Business Manager e cliccare su “Collega le origini dei dati”. Apparirà quindi una schermata con la voce “Web”. Subito dopo si dovrà cliccare su “Pixel di Facebook” e “collega”.

  • DARE IL NOME  – Fatto questo passaggio è necessario dare un nome ai vari Pixel: scegliete qualcosa di riconoscibile in futuro. Una volta fatto inserite l’URL del visto web per ottenere più opzioni di configurazione.

  • COLLEGARE IL SITO – Ora che avete creato il pixel, dovete collegarlo al sito. Ci sono tre opzioni tra cui scegliere: MANUALE (si ha a disposizione la stringa di codice da inserire direttamente nel sito), INTEGRAZIONE PARTNER (utilizza altre app come WordPress), ISTRUZIONI VIA MAIL (da inviare allo sviluppatore del sito).

  • IMPOSTARE GLI EVENTI – Questa è la parte interessante: il tracciamento delle conversioni. Anche qui ci sono tre tipologie di impostazioni: EVENTI STANDARD (si utilizzano altri “frammenti” di codice da inserire su pagine specifiche del sito per tracciare momenti decisivi, come “aggiungi a carrello” o “acquisti”), CONVERSIONI PERSONALIZZATE (che possono integrare gli eventi standard), STRUMENTO DI CONFIGURAZIONE EVENTI (che permette di installare eventi standard anche senza codici).

A cosa serve il Meta Pixel?

RETARGETING

Il Pixel serve per permettere all’inserzionista di sapere come si comporta un utente di Facebook o Instagram quando visita il sito web. Queste informazioni sono fondamentali per ottenere i risultati di campagne di conversione, come per esempio la vendita di un prodotto sul sito.

Oltre che per i risultati delle campagne, il Pixel di Meta è fondamentale per poter creare dei pubblici su misura basati sugli avvenimenti compiuti dai visitatori del sito. Per esempio, è possibile mostrare un’inserzione solo a chi negli ultimi 90 giorni ha visitato il sito web oppure mostrare dei prodotti del catalogo a degli utenti che hanno aggiunto articoli al carrello senza acquistarli.

Ora che sapete a cosa serve il Meta Pixel non vi resta che installarlo all’interno del vostro sito web, così da poterlo utilizzare per far rendere al massimo le vostre campagne, capire come si comportano gli utenti sul vostro sito, e ottimizzarlo al meglio di conseguenza.