Il primo banner della storia

La pubblicità fa parte della nostra vita, il web e i social sono pieni di banner, ma vi siete mai chiesti che origini ha la pubblicità online? Noi di Piano Sito Web siamo amanti della storia della pubblicità e in questo articolo vi racconteremo in che modo il primo banner della storia annuncia la nascita della pubblicità su internet.

Il 27 ottobre 1994 online il primo banner pubblicitario: sono passati  appena 25 anni e il mondo dell'advertising si è rivoluzionato - Corriere.it

Il primo banner della storia: come nasce la pubblicità su internet

Era il 1994 quando il primo banner della storia ha annunciato la nascita della pubblicità su internet.
“Hai mai cliccato qui con il mouse? Lo farai” è stata la celebre frase comparsa all’interno del rettangolo pubblicitario (460 x 60 pixel) sul sito HotWired, l’attuale Wired.

Questo spazio pubblicitario è costato circa 60mila dollari e viene acquistato dalla compagnia telefonica americana AT&T. L’uscita e l’acquisto di questo banner sono stati la svolta per il mondo della pubblicità.
Da questo momento la comunicazione ha preso una piega diversa: le aziende hanno iniziato a usare questo nuovo strumento di marketing per sponsorizzare brand, prodotti e servizi.

Gli anni ’90 non sono solo stati gli anni del boom pubblicitario online, hanno anche sottolineato l’importanza del monitoraggio dei dati. Sempre Wired, ha introdotto un metodo per stimare i click ricevuti dai banner. Geniale, no? Ottenere questi numeri era fondamentale per coloro che acquistavano gli spazi, poiché PERMETTEVA DI era un modo per capire se la loro strategia stesse funzionando. Ad esempio, per AT&T viene stimato un 44% di utenti raggiunti che, se confrontato con i dati di oggi VIRGOLA è un risultato notevole.

Ovviamente come succede anche oggi, appena esce qualcosa di nuovo i competitor cercano di imitarlo. Infatti pochi mesi dopo l’uscita del primo banner, anche Yahoo ha deciso di inserire all’interno della sua pagina degli spazi pubblicitari. Tutto questo ha creato una rapida crescita dei banner che ha portato a rivedere il linguaggio grafico e la UX dei tempi.

Pop-up pubblicitari

In seguito ai banner, sono nati altri modi di fare pubblicità online come i pop-up pubblicitari. Quest’ultimi sono quelle finestre o elementi che compaiono nel momento in cui passate il cursore su un contenuto. Ancora oggi esistono e spesso sono considerati fastidiosi ma di forte impatto per catturare l’attenzione dell’utente.

Da lì QUANDO in poi è stato tutto in salita: Google e YouTube hanno introdotto le inserzioni a pagamento, che monetizzano ancora oggi cifre altissime. Per ultimi, ma non per importanza ovviamente, ci sono i social che hanno dato origine alla sponsorizzazione dei post, ovvero quelli che vi ritrovate nel feed di Instagram con scritto “sponsorizzato”.

Possiamo modificare una vecchia citazione:”la vita è come una pubblicità, non sai mai quella che ti capita!