Qual è il migliore CMS per la SEO?

Quando si tratta di dover scegliere il migliore CMS per la SEO la scelta non sarà sicuramente facile, ma grazie ad alcune informazione vedrete che sarete in grado di trovare quello più adatto a voi.

Per questo motivo oggi andremo ad approfondire i principali CMS riportando i rispettivi vantaggi e svantaggi, così facendo dovreste avere tutte le principali info per poter scegliere con coscienza il migliore per il la vostra attività.

I migliori CMS per la SEO

Innanzitutto c’è da dire che non tutti i CMS sono SEO-friendly. Tra le principali problematiche che possiamo trovare abbiamo: anomalie di indicizzazione, impossibilità di editare elementi di pagina importanti, codice ridondante e non necessario ecc. Se dovessimo analizzare un CMS per capire se sia davvero SEO-friendly, dobbiamo tenere presente degli elementi imprescindibili, senza i quali il CMS difficilmente farà al caso vostro:

  • URL customizzabili;
  • elementi della pagina quali titoli di pagina, snippet, titoli di paragrafo e alt text customizzabili;
  • pratiche semplici per l’indicizzazione delle news/blog;
  • struttura scalabile senza eccessiva difficoltà;
  • ottimizzazione responsive dei temi grafici;
  • possibilità di generazione di sitemap.

WordPress

CMS per la SEO

WordPress è senza ombra di dubbio il CMS più popolare. Circa la metà dei siti internet sono costruiti con questa piattaforma, tra cui anche siti di aziende importanti come Sony Music o Walt Disney.

Vantaggi

Il principale vantaggio di questa piattaforma è dato dal fatto che possiamo modificare qualsiasi parametro SEO: title, meta-description, alt-text ecc. La sua struttura è semplice da utilizzare e flessibile, inoltre, permette di personalizzare i breadcrumbs e, in alcuni casi, i markup schema.org.

Svantaggi

Se il vostro obiettivo è quello di creare e gestire un sito molto grande, probabilmente WordPress non farà al caso vostro. Questa piattaforma nasce per la creazione di blog, per cui la prima valutazione da fare è sulla tipologia di sito che si dovrà ideare e in secondo luogo gestire. Più sarà complesso il vostro sito, più sarà strutturato e grande e più avrete problematiche relative alla gestione e all’indicizzazione dello stesso.

Shopify

Shopify è il secondo CMS più utilizzato sul web per i siti internet. Circa il 3% dei siti utilizza questo sistema e non solo e-commerce come in molti potrebbero pensare (giustamente).

Vantaggi

Il principale vantaggio di questa piattaforma è dato dal fatto che molti parametri SEO vengono gestiti automaticamente, come i canonical, importantissimi per un e-commerce, sono configurati automaticamente, rendendo più rapido e semplice il lavoro dei crawler.

Svantaggi

Il primo svantaggio è dato dal costo. Shopify, a differenza di WordPress, è a pagamento e il costo è di circa 30 euro mensili. Inoltre, a livello grafico, i siti che utilizzano questa piattaforma tendono ad assomigliarsi parecchio in quanto il layout non è tanto customizzabile. Non finiscono qui gli svantaggi, infatti, alcuni parametri devono essere modificati lato codice, come ad esempio la differenziazione dei meta-title e degli h1.

Drupal

CMS per la SEO

Drupal è uno dei CMS più completi che si possano trovare online e nasce per gestire siti molto complessi come ad esempio il sito della NASA o di Tesla.

Vantaggi

Bisogna essere onesti, Drupal è assolutamente completo se parliamo di personalizzazione. Consente di modificare e gestire l’alberatura del sito e perfino le performance Page Speed sono davvero notevoli, in particolare dalla versione 9 del CMS.

Svantaggi

Diciamo che non è un CMS per nabbi (termine da gamer che descrive persone che si sono appena approcciate a un determinato gioco o argomento), infatti, richiede alcune conoscenze a tema di codici web. Bisogna comunque dire che negli ultimi tempi è diventato molto più user-friendly rispetto al passato, ma è ancora lontano dai precedenti riportati.

Magento

CMS per la SEO

Se volessimo trovare una controparte come Drupal per il lato e-commerce, allora dobbiamo parlare di Magento. CMS sufficientemente completo e complesso da essere utilizzato anche da grandi aziende come Coca Cola e Ford.

Vantaggi

Valgono i vantaggi riportati per Drupal ma va aggiunta anche la gestione automatica dei markup schema.org.

Svantaggi

Il primo e probabilmente anche più importante tra gli svantaggi di Magento è l’assenza di blog nativo. Ciò implica che bisognerà aggiungere un modulo esterno per inserirlo sul sito. Un altro svantaggio, meno importante, è dato dai temi grafici gratuiti che non sono perfettamente responsive, per questo motivo il nostro consiglio è di scegliere com molta attenzione il layout prima di sviluppare l’intero sito.

Le nostre conclusioni sul CMS da scegliere

CMS per la SEO

Non abbiamo analizzato tutti i CMS, ma abbiamo riportato sicuramente i più importanti e diversi tra loro per potervi dare una visione più chiara e trasparente sull’argomento.

In conclusione, la scelta del CMS per la vostra SEO dipende molto dal tipo di sito che andrete a sviluppare, motivo per cui è importante affidarsi a professionisti esperti per far sì che venga presa la decisione più adatta per il vostro sito, evitando sprechi di risorse economiche e di tempo.

Per qualsiasi richiesta i consulenti di Piano Sito Web sono qui per rispondere alle vostre richieste e per analizzare il vostro caso specifico, supportarvi nell’ideazione e procedere con lo sviluppo del sito stesso.