Accessibilità e Usabilità di un sito web

Avete mai sentito parlare di accessibilità e usabilità di un sito web?

Vi abbiamo già parlato di due figure fondamentali per lo sviluppo (front-end e back-end), oggi vi spieghiamo due criteri di valutazione fondamentali per i nostri siti web.

Un sito web che si rispetti, deve infatti permettere a chiunque di poterci interagire in modo semplice e rapido, anche a persone con disabilità che ne limitano e/o complicano la navigazione. I criteri di accessibilità e usabilità servono proprio per fornire delle semplici regole da seguire per raggiungere questo obbiettivo.

Accessibilità

Un buon sito web deve essere accessibile, questo significa che deve riuscire a fornire i propri servizi anche a persone affette da disabilità temporanee e non. A tal proposito, esistono alcune tecnologie ausiliarie in grado di aiutare le persone con disabilità a interagire sul web. Queste tecnologie sono di diverso tipo e possono essere sia hardware che software.

Lato hardware per esempio ci sono tastiere e mouse studiati su misura per persone con problemi agli arti, per le tecnologie hardware il sito non deve necessariamente predisporre delle apposite funzioni.

Lato software invece anche il sito deve contribuire al funzionamento di queste tecnologie, per esempio la possibilità di ingrandire o diminuire la dimensione del font per chi ha problemi alla vista, oppure predisporre una versione cromatica del sito studiata per utenti daltonici. Evitare ogni tipo di difficoltà che può incontrare un utente è un ottimo accorgimento per rendere il più piacevole possibile l’esperienza all’interno del sito.

Dato che esistono queste tecnologie, vi starete chiedendo:

Perché è un criterio per un sito web? Perché chi sviluppa il sito deve dare a queste tecnologie la possibilità di funzionare e svolgere il loro compito! Ci sono 8 componenti essenziali per poter definire il sito web accessibile:

1. Il sito web stesso – informazioni naturali (testi, immagini e suoni) e il codice di marcatura che definisce la sua struttura e presentazione

2. Agenti utente, come i browser web e i lettori multimediali

3. Tecnologie di assistenza, come lettori di schermo e dispositivi di input usati a sostituzione delle convenzionali tastiere e mouse

4. La conoscenza dell’utente e l’esperienza usando il web

5. Sviluppatori

6. Strumenti di creazione

7. Strumenti di valutazione

8. Un’accessibilità al web standard definita, o una politica per la sua organizzazione (contro cui valutare l’accessibilità)

Interazione di queste 8 componenti tra di loro permette la creazione di un ambiente accessibile agli utenti con disabilità, al resto penseranno le tecnologie sfruttate dagli utenti stessi.

Usabilità

L’usabilità, diversamente dall’accessibilità, si focalizza sull’interazione tra l’utente, le sue caratteristiche e il sito. La norma ISO 9241-210:2010 definisce uno standard per l’usabilità riassunto come “Il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obbiettivi con efficacia, efficienza, soddisfazione in uno specifico contesto d’uso”.

Efficacia rappresenta la precisione e completezza con cui gli utenti raggiungono determinati obbiettivi. Efficienza invece analizza le risorse impiegate in relazione all’efficacia nel raggiungere l’obbiettivo. Infine soddisfazione, la semplicità di navigazione del sito da parte degli utenti, che contribuisce a imprimere un ricordo positivo del sito nella testa del visitatore e a stimolarne la permanenza. In sostanza, l’utente deve muoversi in modo semplice e intuitivo all’interno del sito e nel caso in cui incorra in una pagina sbagliata rispetto a ciò che stava cercando, rimediare deve risultare ancora più semplice. Less is more!

Per raggiungere questi obbiettivi l’usabilità si pone 9 obbiettivi principali:

  1. Presentare l’informazione all’utente in modo chiaro e conciso, evitando termini tecnici o specialistici
  2. Semplificare la struttura del compito
  3. Offrire all’utente le scelte corrette, in una maniera che risulti ovvia
  4. Organizzare ogni pagina in modo che l’utente riconosca la posizione e le azioni da compiere
  5. Eliminare ogni ambiguità relativa alle conseguenze di un’azione (es. fare clic su cancella/rimuovi/compra)
  6. Mettere la cosa più importante nella posizione giusta della pagina web o dell’applicazione web
  7. Fare in modo che l’utente abbia un rapido feedback (informazione di ritorno) ad ogni azione compiuta
  8. Rendere la grafica accattivante ed interessante dal punto di vista visivo attraverso l’uso di diagrammi, tabelle, sezioni informative
  9. Ridurre gli sforzi cognitivi dell’utente.

Sfruttando questi accorgimenti, l’utente potrà concentrare tutte le sue energie solo ed esclusivamente nel raggiungimento del suo obbiettivo all’interno del sito, senza dover impiegare troppe forze nell’apprendere il funzionamento del sito stesso.

Avrete sicuramente capito che i siti su cui navigate tutti i giorni e che all’apparenza sono molto semplici in realtà nascondono un grandissimo lavoro dietro le quinte per garantirvi la migliore esperienza possibile!